Escursioni Lago

Piccola premessa: se avete appena acquistato una canoa, immergetela per la prima volta in un lago anzichè in un fiume così da non dover imparare a gestire subito la corrente.

Andare in canoa è un’attività all’aperto rilassante, divertente, sportiva, praticabile da qualunque normodotato, anche se non allenato o senza formazione di base. E’ anche, soprattutto, un’attività accessibile economicamente. Basta un modesto investimento iniziale di circa 150-200 Euro tra canoa, giubbotti di salvataggio e sacche impermeabili, per trasformarsi in un team di esploratori affamati di scoperte.

Pagaiare in un lago regala emozioni. Non è per nulla banale avvicinare una coppia di cigni con prole, scoprire i nidi delle folaghe, avvistare gli aironi appollaiati sui rami o sfiorare distese di ninfee in fiore. Non è sempre tutto così bucolico, andando in canoa si impara anche a valutare lo stato di salute di un lago o il grado di incuria e inciviltà umana. Accumuli indiscriminati di plastica e rifiuti tra i canneti o carcasse di germani in putrefazione sulle rive sono, purtroppo, esperienze che abbiamo vissuto e documentato. La canoa, quindi, aiuta a promuovere una coscienza ambientale ed un turismo responsabile. Non serve poi, essere bravi architetti per distiguere gli scempi edilizi dalle splendide ville Liberty di certi laghi lombardi. E’, quindi, una pratica che educa non solo al senso civico ma anche al bello.

36748654_1863366127019122_1354886294387294208_n
Sala Comacina, Lago di Como

E poi, c’è l’aspetto ludico-sportivo. Si sta all’aria aperta, sotto al sole ma rinfrescati dagli schizzi d’acqua, in costume da bagno, pagaiando con l’intensità che si preferisce. Certo, potrebbero sfrecciare a poche decine di metri da voi dei lussuosissimi motoscafi ma ricordatevi che, con tutto il loro lusso, non potranno mai raggiungere deliziose spiaggette isolate dove prendere il sole e leggere un buon libro, voi sì. Abbiamo passato un pomeriggio in una spiaggetta a poca distanza da Villa Cassinella sul Lago di Como, dove soggiornare costa 600 Euro all’ora. Noi, a gratis. La pratica di scegliere percorsi con vista su splendide ville l’abbiamo simpaticamente denominata “Rich Watching” ed è molto divertente.

LA SICUREZZA AL PRIMO POSTO

Ricordatevi sempre che la sicurezza deve essere al primo posto nei vostri pensieri. Eccovi, quindi, degli aspetti importanti da tenere in considerazione.

  1. Permessi: verificate che sia consentito introdurre natanti poichè alcuni bacini sono destinati alla raccolta dell’acqua potabile e non possono essere contaminati oppure sono privati e, quindi, non accessibili;
  2. Percorsi: cercate documentazione sui punti di approdo, percorsi, distanze e profondità. Spesso occorrerà un sopralluogo per individuare l’approdo e il parcheggio migliori per la vostra escursione, approfittate delle Domeniche d’inverno per farvi un giro esplorativo al lago;
  3. Balneabilità: potrebbero essere presenti dei cianobatteri, un gruppo di batteri in grado di svolgere il processo di fotosintesi. Molte specie di cianobatteri formano colonie, che possono arrivare a dimensioni visibili a occhio nudo, per lo più come pulviscolo galleggiante nell’acqua. In caso di fioriture massive, quando cioè i cianobatteri si moltiplicano raggiungendo densità molto alte, si possono formare ammassi galleggianti molto vistosi detti scums o schiume, di colore variabile dal verde brillante fino al rosso mattone. In certe fasi della loro vita i cianobatteri possono sviluppare al loro interno delle tossine che, alla morte della cellula, vengono liberate in acqua. Queste tossine possono creare problemi di salute sia per contatto (es. irritazioni della pelle) e sia per ingestione (es. effetto epatotossico).
    Quindi in presenza di acque torbide, schiume o mucillaggini, o con colorazioni anomale è sconsigliato immergersi.
  4. Meteo/Vento: controllate sempre le previsioni meteo e verificate forza e direzione del vento perchè potrebbe rendervi impossibile il ritorno (in alcuni laghi si innescano venti termici ad orari più o meno fissi).
  5. Protezioni individuali: devono sempre essere con voi i giubbotti di salvataggio, la crema solare, gli occhiali ed un cappello. Portatevi anche un cellulare, protetto da una busta impermeabile, per chiamare i  soccorsi nel caso in cui vi troviate isolati con la canoa danneggiata. Non dimenticate l’acqua.

20180707_161004

Villa Cassinella, Campo di Lenno, lago di Como

 

LEGGI ANCHE: EQUIPAGGIAMENTO CANOA
LEGGI ANCHE ESCURSIONI FIUME

Potete trovare utilissime informazioni sui percorsi a questo LINK


LE NOSTRE ESCURSIONI LAGO


LE NOSTRE ESCURSIONI FIUME