Alla scoperta della Valchiusella sull’antica via dei Cantoni

Sono quasi le tre del pomeriggio quando ci alziamo da tavola, diamo un’ultima occhiata alla vista del Lago di Alice dalla terrazza de “Il Pontile” e partiamo alla volta di Fondo, frazione di Traversella, che dista soltanto una mezz’ora di auto. La formazione tipica durante i nostri trasferimenti è questa: Il Fabio, alla guida, controlla il percorso sul navigatore del telefono mentre io smanetto sul mio smartphone per raccogliere più informazioni possibili sulla destinazione. E niente, ci si apre un mondo. Risaliamo una aspra valle a “V”, integra e severa, abbandonando la parte più collinare e lasciandoci alle spalle la Serra di Ivrea, ormai convinti che stiamo raggiungendo un posto figo. E così è. Ci aspetta la Cascata, detta del Ribordone, e la marmitta dei giganti del torrente Burdeiver, due ponti romanici in pietra a dorso di mulo ed un sentiero di collegamento tra 12  antichi borghi (Canton) caratterizzati da piccole costruzioni in pietra (baiti). Questo sentiero prende proprio il nome di antica Via dei Cantoni e noi ne abbiamo percorso un piccolo tratto ad anello, da Fondo (1.074 m) sino a Tallorno (1.222 m), 5 km per 230 m di dislivello in due ore di cammino. Arriviamo a Fondo, parcheggiamo l’auto in prossimità della chiesa e lo spettacolo ha inizio con il primo dei ponti romanici, una splendida struttura del 1727, costruita sul fiume Chiusella sulle rovine di un ponte più antico distrutto da un’alluvione. Il ponte separa e collega le caratteristiche abitazioni civili, poste sulla sponda sinistra, dalla Chiesa di San Bernardo di Mentone (1630), canonica,  cimitero e vecchia casa municipale, posti sulla sponda destra.
ponte romanico 1 Continua a leggere “Alla scoperta della Valchiusella sull’antica via dei Cantoni”